Tecniche di innesto osseo per impianti dentali

La perdita dell'osso mascellare (non solo dei denti!) è una considerazione seria
Quando un dente (o un gruppo di denti) viene perso per vari motivi, l'elemento portante dell'osso mascellare si perde in modo continuo con il passare del tempo. Gli impianti dentali possono prevenire un'ulteriore perdita e deterioramento dell'osso e aiutare a mantenere una buona qualità e volume dell'osso. Gli impianti dentali hanno un aspetto molto naturale e possono salvarvi dall'imbarazzo di dover affrontare gli altri con un vuoto nel vostro sorriso. Inoltre, dato che gli impianti dentali possono funzionare come i denti, potete continuare a godervi la vita senza imbarazzo o disagio.

L'innesto osseo viene fatto per aggiungere massa ossea alle mascelle dei pazienti che in precedenza non avevano una massa ossea sufficiente per sostenere il posizionamento degli impianti dentali. Ci sono diverse tecniche di innesto osseo che i chirurghi dentali possono fare, a seconda del bisogno specifico del paziente.

Innesto onlay
L'innesto onlay è il termine tecnico per il tipo di innesto osseo in cui l'osso viene applicato alla superficie dell'osso esistente del paziente, sia sopra che a lato. Un innesto onlay è solitamente utilizzato nei casi in cui il paziente sperimenta il riassorbimento o il restringimento dell'osso mascellare, di solito come risultato di una perdita prolungata dei denti. Un periodo di guarigione è solitamente necessario affinché il nuovo osso si integri completamente con i tessuti circostanti dell'osso mascellare, prima che gli impianti dentali possano essere posizionati in modo sicuro.

Innesto a blocco
L'innesto a blocco viene utilizzato nei casi in cui sono necessari interi blocchi di osso per la procedura di innesto. Il tessuto osseo utilizzato in un innesto a blocco può essere prelevato da un'altra parte del corpo del paziente stesso, oppure può essere acquisito attraverso una banca di tessuti accreditata che fornisce un "allograft" (osso corticale umano a blocco). Il blocco d'osso viene misurato e modificato per adattarsi all'area interessata dell'osso mascellare del paziente che ha bisogno di massa ossea supplementare, e viene poi tenuto in posizione con l'uso di piccole viti ossee; queste viti ossee possono essere rimosse una volta che l'innesto a blocco è guarito con successo e si è integrato con il tessuto osseo mascellare circostante.

Innesto di particolato
Gli innesti di osso particolato sono costituiti da piccole particelle di osso cancelloso e corticale, e possono essere denominati in vari modi a seconda dell'elaboratore di tessuti che fornisce l'innesto finale. L'innesto di particolato offre al paziente odontoiatrico un tempo di trattamento più breve, soprattutto grazie alla rapida rigenerazione dei tessuti duri e molli dell'innesto. Gli innesti di particolato sono materiali di riempimento ideali per i vuoti ossei, permettendo all'area interessata di sperimentare una rapida rigenerazione ossea - che si tradurrà poi in un periodo di attesa più breve per la guarigione dell'innesto e per il posizionamento degli impianti dentali.

Storia degli impianti dentali

Gli impianti dentali nella storia antica
I primi impianti dentali endossei (impianti che vengono inseriti nell'osso della mascella) nella storia antica si pensa siano stati usati dalla civiltà Maya, nell'anno 600 d.C. Gli archeologi trovarono un pezzo di osso mascellare che si credeva appartenesse a una giovane donna; questo osso mascellare aveva tre gusci che avevano la forma di denti, ed erano incastrati nei punti in cui mancavano tre denti incisivi inferiori.

Per quarant'anni dopo la scoperta degli impianti della signora Maya, gli archeologi hanno creduto che questi impianti dentali fossero stati messi dopo la morte della persona. Tuttavia, una serie di radiografie scattate nel 1970 dal professor Amadeo Bobbio ha mostrato che c'era una formazione ossea compatta intorno ai due impianti - portando alla conclusione che gli impianti sono stati effettivamente inseriti nell'osso della mascella quando la signora Maya era ancora viva.

Gli artefatti egiziani mostrano anche che conchiglie e avorio erano usati per sostituire i denti naturali mancanti. I pezzi d'avorio e le conchiglie erano formati in modo da assomigliare alla forma dei denti naturali, e venivano poi martellati direttamente nelle gengive dove si trovavano i denti persi.

L'implantologia dentale moderna
Nel 1952, un chirurgo ortopedico svedese di nome Per-Ingvar Brånemark studiò la rigenerazione e la guarigione delle ossa, e scoprì qualcosa che avrebbe rivoluzionato il moderno trattamento degli impianti dentali. In uno dei suoi esperimenti, il professor Brånemark utilizzò un cilindro di titanio metallico per studiare ulteriormente le proprietà microscopiche di guarigione delle ossa; questo cilindro fu avvitato nell'osso della coscia di un soggetto animale. Al termine di questo esperimento, si scoprì che il cilindro di titanio si fondeva irreversibilmente con l'osso della coscia; questo processo fu poi chiamato "ossointegrazione" (l'aderenza o la fusione del titanio con l'osso), e fu ulteriormente studiato per il suo significativo potenziale nell'aiutare gli esseri umani.

Il professor Brånemark, ora conosciuto come il "padre della moderna implantologia dentale", inizialmente aveva pianificato di lavorare sull'ossointegrazione negli interventi al ginocchio e all'anca; tuttavia, alla fine decise di utilizzare il titanio nella bocca poiché quest'area era più accessibile e l'enorme numero di persone che hanno denti mancanti offriva più soggetti per studi più diffusi. Nel 1965, Brånemark ha inserito il suo primo impianto dentale (in titanio) in un volontario umano.

Nel 1981, il professor Brånemark pubblicò un documento completo che comprendeva tutti i dati che aveva raccolto con successo sugli impianti dentali. L'anno successivo, nel 1982, la Conferenza di Toronto sull'osteointegrazione in odontoiatria clinica ha elaborato le prime linee guida per ciò che si deve considerare un'implantologia dentale di successo.

Gli anni '80 furono il periodo in cui l'implantologia dentale commerciale conobbe una crescita significativa nell'applicazione, con l'ossointegrazione usata più ampiamente per attaccare permanentemente i denti individuali così come i ponti dentali nella bocca dei pazienti; questi trattamenti di impianti dentali si dimostrarono di successo in più del 90% dei casi.

Tag: denti    osso    innesto    mascellare    possono    blocco    dentale    titanio    paziente    

Argomenti: impianto dentale,    innesto osseo,    osso mascellare,    termine tecnico,    nuovo osso

Altri articoli del sito ad argomento Fascino del canale Bellezza ed affini:

Conoscere gli impianti dentali
Forbici per capelli diradati
Tipi di cesoie per capelli
Extensions di qualità su misura con estensioni naturali
Come scegliere un dentista