Articoli bruco

Articoli su bruco, con la parola bruco

Come occuparsi di una farfalla
Come occuparsi di una farfalla (estratti)

...In buona sostanza, se vogliamo trasformare una bellissima farfalla nel nostro animale domestico, dobbiamo prendere un bruco: sarà un'esperienza meravigliosa vederlo trasformare in farfalla ed impegnarci perché così sia...Generalmente, per ottenere un bruco, ci si rivolge ad allevamenti specifici: con l'avvento della tecnologia non sarà affatto un'impresa complicata trovare un allevamento che faccia anche spedizioni di capsule di uova oppure interi tubi con tante uova pronte a schiudersi, ma alle prime esperienze sarà bene presentarsi di persona in allevamento e farsi spiegare dall'allevatore, che dovremo scegliere serio e competente...L'alternativa più economica e forse a tratti più entusiasmante all'allevamento è quella di cercare un bruco in giardino, nei parchi o nelle riserve naturali dove sarà facile trovarli sulle foglie, impegnandosi a dovere nelle ricerche; attenzione, però, perché poi bisognerà individuare una serie di altri fattori che invece ci verrebbero spiegati dettagliatamente dall'allevatore nel caso scegliessimo di acquistare i nostri bruchi anziché andarli a cercare...Per quanto riguarda l'alimentazione, il tutto dipende in particolar modo dalla specie del bruco che poi condizionerà anche la specie della farfalla che diventerà, e sarà un'altra informazione che dovremo mettere nei primi posti tra quelle che chiederemo immediatamente all'allevatore...Metteremo ogni giorno foglie fresche al nostro bruco per nutrirlo e per farlo rimanere in forze...
La farfalla monarca e la sua spettacolare migrazione
La farfalla monarca e la sua spettacolare migrazione (estratti)

...Un ultimo punto che bisogna assolutamente specificare per coloro che desiderano conoscere in modo approfondito le splendide farfalle monarca, riguarda quello del bruco: è ben diverso dagli altri tipi di bruco che si possono trovare in natura o nei parchi, perché è principalmente verde con delle righe nere...Quindi in pratica ha l'aspetto del bruco che viene immaginato nei disegni, nei cartoni animati e da tutti...
La trasformazione da bruco a farfalla
La trasformazione da bruco a farfalla (estratti)

...Prima di tutto è indispensabile fare chiarezza sulle fasi della trasformazione del bruco...Sembra una cosa scontata ma alcuni credono che il bruco nasca da un parto simile a quello degli umani, cioè sulla scia dei mammiferi, ma questa cosa non è assolutamente vera...Si inizia da un uovo, ed è il motivo per il quale negli allevamenti per chi vuole prendersi cura di un bruco per poi avere una farfalla da osservare per un po', per poi liberarla, vengono vendute o spedite le uova e non già l'esemplare a metà dello stadio di crescita...Perciò la famosa metaformosi avviene molto prima di quanto si possa credere, ed inizia tutto da un uovo: da lì poi uscirà quello che tutti chiamano bruco, e già da questo punto i più esperti capiranno che tipo di farfalla diventerà dopo che avrà terminato l'ormai noto processo...Per passare senza troppe preoccupazioni e malattie varie a questo passaggio, il bruco dovrà essere tenuto in un ambiente adatto alle sue esigenze e nutrito come si dovrebbe, cioè dapprima con il guscio dell'uovo e con ciò che lo compone, e poi con le foglie apposite per la specie a cui appartiene di cui chiederemo informazioni all'allevatore o all'esperto di riferimento...Nei primi momenti di vita il bruco si nutre in una maniera che vista dall'esterno potrebbe sembrare quasi eccessiva invece è naturale...
Lonomia obliqua: la farfalla più pericolosa al mondo
Lonomia obliqua: la farfalla più pericolosa al mondo (estratti)

...La cattiveria negli animali, che sono privi di senso morale, non esiste, ma l'aggressività in caso di minaccia esiste eccome: la lonomia obliqua, che anche da bruco è estremamente pericolosa, ne è un esempio lampante...Innanzitutto bisogna imparare a riconoscere il bruco, che come abbiamo detto generalmente presenta colori chiari, è spinoso (ad alcuni potrebbe anche sembrare che abbia delle piccole piantine aghiformi sul dorso) ed ha un aspetto tendenzialmente repellente, che infatti non farebbe avvicinare qualcuno a toccarlo...Ovviamente il bruco non resterà sempre bruco, ma si trasformerà presto in farfalla: sarebbe meglio classificare l'esemplare adulto come falena, piuttosto che come farfalla, e avrà delle sembianze ben diverse da quelle che aveva prima il bruco...Anzitutto bisogna esaminare approfonditamente gli effetti che potrebbe causare il toccare questo bruco oppure questa falena adulta: il tipo di "avvelenamento" che avviene al contatto con l'animale che potremmo incontrare nei boschi si chiama lonomismo, dal nome scientifico del bruco, e generalmente porta vertigini ed emorragie...Infatti, a parte l'iniziale bruciore e le classiche sensazioni appena toccheremo il pericoloso bruco, potrebbe iniziare un sanguinamento anche piuttosto cospicuo: è questo il pericolo principale che è in grado di scatenare la lonomia obliqua...Al primo sfregamento con la pelle e al primo contatto, si potrebbe iniziare a sanguinare, questo perché il veleno del bruco o della falena incide sulla coagulazione...