Camargue, fenicotteri rosa, folklore spagnolo e gitano in Francia

In un clima culturale e stagionale molto simile alla Spagna, nella zona  lagunare del sud della Francia, Camargue si presenta con un fascino inspiegabile: una terra eccezionale, affascinante, in cui si susseguono senza sosta stagni, paludi, campi di riso, cittadine. Tre forze modificano costantemente la Camargue: il Rodano, il mare, che mangia le spiagge; l'uomo, che da secoli cerca di adattare questo splendido luogo della Provenza alle sue esigenze. Metà del territorio è poi Parco naturale abitato da tori, cavalli bianchi, dimora di molte specie di uccelli, con gli stagni di acqua salata che forniscono uno dei pochi habitat europei per il fenicottero rosa, non distante, nelle praterie liberamente pascola una particolare razza di cavalli: Camargue.


Tra turismo e  pellegrinaggio, una la leggenda narra che, intorno al 48 d.C., la madre e le donne seguaci di Gesù, fossero approdate in Camargue dopo le prime persecuzioni in patria, e qui avessero diffuso il credo cristiano e,  Santa Marta, con la sola preghiera, fece rimpicciolire le dimensioni di un animale terribile, dalle sembianze di un toro, che passava il tempo a terrorizzare la popolazione: ecco perché una tipica tradizione della Camargue la "course camarguaise", è una sorta di corrida che non prevede l'uccisione dell'animale ma la sottrazione al toro di piccole coccarde.


Non possiamo parlare della Camargue dimenticandoci  del Rodano, che dopo migliaia di chilometri raggiunge il Mediterraneo formando il delta più grande d'Europa, tra i due rami principali c'è la Camargue, una gigantesca isola a forma di triangolo dove ai tre estremi ci sono le città di  Le Grau-du-RoiFos-sur-Mer ed Arles, una delle città più antiche di Francia, con molte tracce di un passato romano: le arene, il teatro antico, le terme di Costantino, templi, obelischi; famosa anche per le sue feste tradizionali e per i festival musicali. La città più rinomata della Camargue è Saintes Maries de la Mer, sviluppatasi intorno a una chiesa circondata da mura, mostra  tracce del suo passato storico, a pochi chilometri si trova  Aigues-Mortes, nota per aver ospitato i  cavalieri Templari.

Belli anche i villaggi di : Aimargues, con il suo castello sorto su un'antica fortezza romana e la vecchia chiesa trasformata in mercato. Vauvert, che d'estate si anima per il festival del jazz, Saint-Gilles, Salin-de-Giraud e Saint Laurent d'Aigouz borghi medioevali tra mura antiche e castelli. Le spiagge di Port Camargue si sviluppano in 18 km di litorale  sabbioso bagnato dalla dolcezza del Mar Mediterraneo. Le spiagge  selvagge, sia a Sud che a Nord  offrono la possibilità di praticare numerose attività sportive e nei  ristoranti sulla spiaggia si può gustare il pesce pescato quel giorno!

Dall'Italia si giunge in Camargue attraverso l'autostrada Nizza-Aix-en-Provence-Arles, da tutte le altre provenienze attraverso Avignone o Montpellier, numerose poi le possibilità di alloggio in hotels, ostelli, case vacanze e b&b. Avvantaggiato da una natura da una vegetazione unica in Europa,  privilegiato dagli ornitologhi del mondo intero lo si può scoprire e percorrere a piedi, a cavallo, in bicicletta, attraverso un safari fotografico in jeep o in battello in qualsiasi stagione dell'anno.

Tag: attraverso    toro    sue    dopo    sud    intorno    mura    festival    

Argomenti: parco naturale,    splendido luogo,    clima culturale,    particolare razza

Altri articoli del sito ad argomento Vacanze Francia del canale Francia ed affini:

Ischia, isola verde del divertimento e del benessere
Yulin, Boknal e i vari festival osteggiati dagli animalisti
Kos, l'antica patria dei giganti
Kazan', la città del Cremlino
Cefalù: la perla del Tirreno