El Gouna: la vera alternativa a Sharm El Sheik





El Gouna non è solo l'ingresso per l'Egitto, ma anche una via per innumerevoli tesori, misteri e meraviglie che benedice questa terra bruciata dal sole, ventoso, pieno di sabbia e di pietra e  le acque  del fiume più lungo del mondo, il Nilo.




Molte persone vengono a El Gouna e Hurghada, città vicina, per riposare una settimana o due, sul Mar Rosso, in un hotel 4-5 stelle all-inclusive, con piscine circondato da una vegetazione rigogliosa e personale disponibile e sempre sorridente .

El Gouna è anche la porta verso il cuore caldo de Il Cairo, capitale dell'Egitto, grandi e piccole piramidi di Giza e Sakhara, Deserto del Sahara, il Nilo custodito dai tempi e monumenti faraonici, un viaggio che ci ha fatto innamorare di questa terra.



Per una vacanza in Egitto è meglio evitare i mesi luglio e agosto. Nel mese di luglio

a El Gouna le temperature sono sopportabili solo sul litorale e la costa nord dell'Egitto. Diciamo  sopportabili temperature di 40 gradi e un sole che brucia letteralmente dopo le 10 del mattino. All'interno e il sud di Aswan la temperatura raggiunge facilmente i 50 gradi.




Da Hurghada, con l'autobus ci vogliono circa 45 minuti per arrivare all'hotel che

si trova a El Gouna. El Gouna è una località in giovane che è in continua evoluzione. E 'nata nei primi anni '90 e da allora non ha mai smesso di crescere. Si tratta di un

agglomerato di isole armoniose e canali, collegati da ponti di pietra o di legno.

Su queste isole, sono stati costruiti alberghi, ville sontuose, con spiagge private, campi sportivi, bar, ristoranti e centri commerciali, dove si ha la possibilità di acquistare oggetti con un vero valore artistico (gioielli, artigianato, papiri, pietre semi-preziose ), sempre a un prezzo negoziato.



El Gouna è prima di tutto, il paradiso degli sport acquatici, dalle immersioni subacquee e snorkeling alle più sofisticate varietà di surfing.

Dispone di due spiagge a Zeytouna e Mangrovy. L'accesso è facilitato dalle così dette acqua taxi, ma solo fino alle 5 del pomeriggio.  Oltre le 5 del pomeriggio si può andare solo a piedi per una piacevole passeggiata di 10-15 minuti, su ponti e stradine fiancheggiate da ville e giardini lussureggianti.

Il turista qui è sempre al primo posto, è così anche se ci troviamo in un paese

musulmano. El Gouna ha una vita colorata anche di notte, tutto è fatto per

accontentare i turisti venuti da ogni parte del mondo.

I bar con raffinati cocktail, ristoranti e centri commerciali aperti fino a tarda notte. Le innumerevoli stradine e vicoli, sono  affollati di artisti di strada, ballerini  e musicisti tutto per il divertimento del turista e per fare in modo che nessuno si annoi.




Se il sole troppo forte vi manda via dalla spiaggia, si può scegliere una o più escursioni facoltative, che può richiedere diverse ore o un giorno intero. L'offerta è molto ampia, ma bisogna fare attenzione alla scelta per non restare  delusi. Si può scegliere una gita nel deserto, guidare un sottomarino Sindbad (mezza giornata) o una giornata di snorkeling alla barriera corallina.



El Gouna, la località sul Mar Rosso, nuova e piena di attrazioni difficile da rifiutare, ma anche una base per il lancio verso l' Egitto: Il Cairo, le Piramidi, il Nilo, i deserti, i templi ... cioè tutti gli ingredienti  per un viaggio di successo.


Tag: sole    sempre    tutto    notte    turista    pomeriggio    pietra    deserto    bar    

Argomenti: vero valore,    piacevole passeggiata,    valore artistico,    cuore caldo,    sole troppo

Altri articoli del sito ad argomento Vacanze Egitto del canale Egitto ed affini:

Il tuo viaggio tra le perle del Mar Rosso
Offerte Capodanno Cuba
Lisbona, città da vedere e da sentire
Cina: un possibile itinerario di viaggio
Vacanze alle Piccole Antille

Libri consultabili online del sito affini al contenuto della pagina:

Il fiore di Dante Alighieri (pagina 17)
Confessioni di un Italiano di Ippolito Nievo (pagina 255)
Corbaccio di Giovanni Boccaccio (pagina 22)
La divina commedia di Dante Alighieri (pagina 69)
Garibaldi di Francesco Crispi (pagina 4)