Come curare il pelo del gatto

Per "curare il pelo del gatto" non si intende semplicemente spazzolarlo tutti i giorni come bisognerebbe fare per i gatti che hanno il pelo lungo o che devono partecipare alle esposizioni, come per esempio gli exotic shorthair o i gatti persiani, ma significa mantenerlo lucido, morbido, pulito, con costanza ed attenzione. Ovviamente i suggerimenti che leggerete di seguito valgono soprattutto per i gatti con il pelo lungo, che sono i più difficili da curare e da mantenere: nulla vieta, però, che si manifesti la stessa attenzione anche per un gatto a pelo corto.

La tecnica principale, non così difficile da intuire ma comunque mondialmente utilizzata anche dai più esperti e prestigiosi toelettatori o espositori, è quella di spazzolare il gatto tutti i giorni: niente di più facile né da fare né da capire, perché si tratterà semplicemente di ricordarci la spazzolata quotidiana, usando anche la costanza e la perseveranza oltre che la memoria. I gatti a pelo lungo raccolgono anche la polvere dal pavimento, e questo potrebbe far diventare il pelo del nostro micio molto più spento, meno morbido, oltre ad una questione igienica personale, soprattutto se il gatto dorme sul letto oppure è spessissimo a stretto contatto con i bambini: il pelo morto va eliminato durante tutte le stagioni per evitare che venga seminato in giro per la casa o sui letti, o nei luoghi più impensabili, ed i parassiti che normalmente tutti gli animali raccolgono dal pavimento non bisognerà lasciare che si annidino sul pelo del nostro animale domestico. Non spazzoliamo eccessivamente il pelo, se non la classica volta al giorno (facciamolo però meticolosamente, senza tralasciare nessun punto, con molta attenzione anche se il gatto si irrita o inizia a spazientirsi), altrimenti potrebbe indebolirsi e presentare delle problematiche nel momento del cambio di stagione. Se scegliamo di trattare con un'attenzione ugualmente importante ma diversa il pelo del nostro gatto, spazzolandolo una volta ogni tre giorni, per esempio, utilizziamo i giusti strumenti per compensare una non così grave mancanza: prima la spazzola, poi l'altro tipo di spazzola con le setole più piccole e strette, infine il pettine per eliminare gli ultimi nodi e tutti i residui di sporco, e magari anche per dare la giusta gonfiatina al suo pelo, per migliorare l'aspetto. Alcune persone mettono addirittura i bigodini al gatto: non è una pratica così diffusa neanche nelle esposizioni, però può essere una cosa corretta per rendere ricciolino il pelo. Evitiamo, se ci è possibile, anche se esteticamente potrà migliorare la situazione.

Ovviamente per rendere più lucido il pelo bisognerà curare molto l'igiene, con dei lavaggi non troppo frequenti, altrimenti rischieremo soltanto di peggiorare la situazione, rendendo il pelo molto meno lucido. Prima di immergere il micio nel bagno, dovremo comportarci in un certo modo, pulendolo ed eliminando tutti i nodi. Non utilizziamo shampoo per bambini oppure eccessivamente forti, ma soprattutto non usiamo shampoo per capelli, anche solo per rendere il pelo più lucido, ma qualcosa di apposito per gatti, che potremo andare a scegliere direttamente nei negozi di animale.

Laviamolo delicatamente il nostro gatto, senza strofinare troppo tutto il manto e tutto quanto il pelo, perché altrimenti continueremo ad ottenere il risultato contrario: del resto, un pelo lucido è un pelo sano, e se ci comporteremo in modo troppo aggressivo con il manto del nostro animale domestico diventerà sempre più opaco e meno bello (almeno dal punto di vista estetico). Quando laviamo il nostro gatto, comunque, togliamo via il sapone molto attentamente, usando l'acqua senza lasciare nemmeno un po' di schiuma. Se temiamo che tutto sia inutile, rivolgiamoci ad il toelettatore che sicuramente saprà darci delle ottime dritte.

Tag: attenzione    gatti    gatto    lucido    lungo    pelo    rendere    tutti    

Altri articoli del sito ad argomento Gatti del canale Animali ed affini:

Come insegnare al gatto dove urinare
Il Norvegese delle Foreste: l'amata bellezza
Il gatto siberiano: ottimo per chi è allergico
Come fare i massaggi ai gatti
Come conquistare la fiducia del gatto